5 incredibili consigli per ottimizzare la velocità del tuo sito Web migliorando il Ranking SEO

Sia che tu stia gestendo un blog, un sito web o un negozio online, l’ottimizzazione dei motori di ricerca può aiutare la tua azienda a raggiungere tutti gli obiettivi previsti. Tuttavia, dovrai tenere d’occhio gli aggiornamenti nel mondo dei motori di ricerca. Poiché l’area Ottimizzazione dei motori di ricerca è piena di raccomandazioni sempre diverse da fonti diverse, devi scoprire quali tecniche SEO sono più adatte alla tua attività.

Alla fine del 2010, Google ha annunciato pubblicamente che la velocità del sito Web verrà considerata un fattore di ranking. Da allora, l’ottimizzazione della velocità del sito Web è diventata una parte cruciale della strategia SEO. Anche se è diventata una grande agenda SEO nei tempi moderni, la maggior parte dei proprietari di siti Web non sa ancora come eseguire l’ottimizzazione della velocità in modo accurato per ottenere un buon posizionamento nei risultati dei motori di ricerca.

Se vuoi accelerare le prestazioni generali del tuo sito web, questo post è per te. Pubblicheremo alcune promettenti tecniche di ottimizzazione della velocità, che ti aiuteranno a migliorare la velocità e le prestazioni di WordPress nel 2018.

Elimina JavaScript e CSS che bloccano il rendering

La prima cosa che dovresti considerare mentre analizzi la velocità del sito web è controllare se JavaScript o CSS causano il blocco del rendering. Numerose quantità di JavaScript e CSS possono impedire il caricamento rapido del tuo sito e possono causare una lentezza generale della pagina.

La maggior parte dei proprietari di siti Web non è a conoscenza di cosa sia il blocco del rendering e, pertanto, non esegue mai alcun passo per eliminarlo. In breve, si tratta di un termine per elementi che impediscono la visualizzazione di una pagina Web nel browser di un utente.

La maggior parte degli esperti SEO suggerisce minimizzare il CSS e JavaScript. Tuttavia, la soluzione migliore per prevenire completamente questo problema dovrebbe eliminare il blocco del rendering e JavaScript nel contenuto sopra ilcontenuto. Ci sono molte risorse online che suggeriscono lo stesso. Se non riesci a trovarne una buona, leggi il messaggio 000webhost.com su come eliminare JavaScript per il blocco del rendering nei contenuti.

Riduci le richieste HTTP

Questa è una delle tecniche suggerite di frequente per ottimizzare la velocità del sito. Il tuo browser è in grado di recuperare i dati da un server con l’aiuto di Hypertext Transfer Protocol. Tuttavia, se la tua pagina fa più richieste di Hypertext Transfer Protocol, diventerà automaticamente più lenta.

Esistono numerosi modi per ridurre il numero di richieste HTTP.

Alcuni dei più popolari sono:

  • Prova a usare CSS Sprites
  • Ridurre il numero di plug-in di terze parti che richiedono richieste esterne non necessarie
  • Prova ad usare meno codice
  • Ottimizza il tuo JavaScript

Ottimizza le immagini del tuo sito web

Nella maggior parte dei casi, l’eccessiva dimensione dell’immagine è il vero colpevole della bassa velocità di caricamento. Secondo un rapporto, circa il 64% del contenuto di un sito Web è costituito da immagini. Di conseguenza, l’ottimizzazione delle immagini deve essere il tuo più grande passo per migliorare le prestazioni generali. Esistono numerosi strumenti che puoi utilizzare per ottimizzare le immagini sul tuo sito. Alcuni dei popolari strumenti di ottimizzazione delle immagini sono:

  • JPEG Optimizer
  • Optimizilla
  • ImageRecycle
  • Octify

Se utilizzi un sito WordPress, puoi provare a installare il plugin Octify sul tuo sito. Questo straordinario strumento converte automaticamente le immagini. Supporta quasi tutti i tipi di formati di immagine come JPG, PNG, GIF, ecc. Anche nel suo piano gratuito, il plugin non ha limiti di dimensioni del file, il che significa che puoi caricare anche un’immagine singola da 1 GB senza pagare un solo centesimo! Quindi, se vuoi migliorare il tuo ranking SEO e le vendite, ti consigliamo vivamente di ottimizzare le tue immagini con un plugin per WordPress.

Evitare la latenza utilizzando un CDN

Per coloro che non hanno familiarità con CDN, si tratta di un gruppo di server Web distribuiti su più sedi. CDN o Content Delivery Network aiutano a trasportare rapidamente i contenuti agli utenti in base alla loro posizione.

Complessivamente, riduce la distanza tra il server del tuo sito web e i tuoi utenti memorizzando una versione nella cache del suo spazio attraverso le varie posizioni geografiche, note come punti di presenza. E ogni punto di presenza ha un numero di server di caching che sono responsabili per fornire contenuti al pubblico nella sua vicinanza. Quale server sarà responsabile per la consegna dei contenuti è deciso dalla misura della presenza della rete. In generale, il server con meno “carico” di rete quando utilizza una CDN.

In breve, Content Delivery Network ti aiuta a velocizzare la consegna dei tuoi contenuti in tutto il mondo. Indubbiamente, può ridurre la latenza in larga misura.

Ottimizzazione del database

Se si sta eseguendo un Blog, sito Web o negozio di ecommerce, quindi molto probabilmente si sta utilizzando un database per memorizzare i dati del tuo sito. Tuttavia, non si sa che il database può influenzare la velocità della pagina se non è ottimizzato con precisione.

È possibile aggiungere un indice al database per ottimizzare il database per la velocità della pagina. Con l’aggiunta di un indice, il database sarà in grado di trovare tutte le informazioni più velocemente in quanto non ha bisogno di scansione milioni di record.

Elimina errori 404

L’errore 404 si verifica quando si tenta di accedere a una pagina Web che non esiste più sul server. In breve, qualsiasi file mancante può generare un errore 404.

Sarai sorpreso di sapere che tra 60 e 100 MB di memoria vengono consumati su un server per fornire un errore 404. Se il numero di errori 404 è elevato sul tuo sito, può essere molto dannoso per le prestazioni del tuo sito web e “uccidere” anche le tue conversioni. È possibile utilizzare lo strumento di controllo dei collegamenti interrotti online per trovare l’elenco dei collegamenti interrotti.

Trova alcuni modi efficaci per ridurre TTFB

TTFB sta per Time to the first byte. È la misura della reattività di un server web. Il tempo TTFB viene calcolato come tempo di richiesta HTTP + tempo di richiesta processo + tempo di risposta HTTP. È il momento in cui il server attende prima di ottenere il primo byte dei dati dal server. Se desideri velocizzare il tuo sito web, dovrebbe essere inferiore a 200 ms come da consigli Google. Puoi utilizzare Chrome Developers Tools per verificare l’ora del primo byte. Investire in un provider DNS affidabile e in Content Delivery Network può rivelarsi una buona soluzione per ridurre il TTFB complessivo.

Conclusione

In questa guida, abbiamo discusso 5 modi per migliorare la velocità e le prestazioni di un sito Web WordPress, che include:

  • Eliminazione di JavaScript e CSS che bloccano il rendering
  • Ottimizzazione delle immagini del sito web
  • Utilizzando una rete di consegna dei contenuti (CDN)
  • Eliminando 404 errori
  • Ridurre il TTFB

Quale tecnica usi per migliorare le prestazioni generali del tuo sito? Sentiti libero di condividere la tua esperienza con noi nei commenti qui sotto. Ci piacerebbe avere le tue impressioni!

Lascia un commento